Fine amore Borderline: quando la favole finisce

fine amore borderline

Fine amore borderline:

Ecco perché non riesci a dimenticarla.


Quando queste relazioni finiscono lasciano ferite profonde.

Sono ferite che necessitano di molto tempo per guarire.

Non riguarda solo la fine di una relazione ma richiedono anche una riflessione sul come l’amore andrebbe vissuto.

L’amore borderline non è una relazione come tante altre.

Per questo quando finisce merita di essere compresa per essere accettata e metabolizzata.

Quando ti sei innamorato di una borderline ti sentivi adorato ed al centro di tutte le sue attenzioni.

Questo suo modo di amare coinvolgente e la sua costante presenza ti hanno conquistato.

Hai creduto che fosse la relazione importante che da sempre aspettavi.

Eravate una coppia molto affiatata agli occhi degli altri.

Ti sentivi amato alla follia e ricoperto di gentilezze.

Ma quello era solo all’inizio.

La fase del Miele.

Anche chiamata idealizzazione.

È così che iniziano queste relazioni.

La fase del Miele nella relazione borderline.

Era l’inizio della relazione ma ti ha stregato.

Aveva occhi solo per te, ti sosteneva, ti cercava.

Ti dimostrava continuamente quanto eri importante per lei/lui.

Ricevevi attenzioni in ogni momento. E tu ricambiavi.

Ti ha conquistato facendoti credere che quelle modalità fossero indice di stabilità.

È stato in quel momento che hai creduto che fosse la donna/l’uomo giusto.

Nella Fase del Miele il borderline ama con devozione.

Una devozione costante, totale e assoluta.

Come si comporta il Borderline in amore.


Durante la  fase del Miele il Borderline promette nuvole di zucchero filato.

Regala sogni di amori incantati.

Intercetta i bisogni dell’altro e li rende realtà.

Ma è questo l’amore?

Per il borderline amare è idealizzare l’altro. 

Quando una persona idealizza trasforma l’oggetto in qualcosa di perfetto.

Idealizzare significa non vedere i difetti dell’altro.

Il bordeline ama in modo incondizionato e pretende dall’altro lo stesso tipo di amore.

A volte sono persone in difficoltà ed affidano all’altro il ruolo del Salvatore.

Il borderline è un vortice.

Il partner viene risucchiato nei problemi del borderline.

Il borderline si affida, si appoggia e sfrutta il partner.

Succhia tutta la sua energia come ricompensa dell’amore che ha donato nella fase del Miele.

Il partner del borderline si sente in dovere di salvarlo.

Assume il ruolo del Benefattore, dell’Infermiera, a volte gli fa da madre putativa.

Fine amore Borderline: non riesci ad accettare che questa relazione sia finita perché la tua mente ricorda dolcemente quei piacevoli inizi.

La ritenevi una persona speciale perché ti ha fatto vivere delle emozioni che prima non avevi mai provato.

Il suo affidarsi e l’avere così tanto bisogno di te, ti ha fatto sentire indispensabile ed importante.

Come può allora essere finita così?

Semplice, non stai dando il giusto peso a tutto..

La relazione con un Borderline crea un attaccamento fortissimo.

Il Borderline ti marchia.

Anche quando sei stato tu a chiudere la relazione continui a restarci legato.

In cuor tuo sapevi che stavate esagerando con tutte quelle litigate.

Gli amici ti dicevano che questa relazione era come una giostra..

Hai sopportato tutto il suo sdegno e la sua rabbia nei tuoi confronti.

Eppure fai molta fatica a voltare pagina.

Fine amore Borderline. Com’è possibile?

I momenti più rappresentativi della relazione con un borderline non sono all’inizio.

È dalla fine della fase del Miele che inizia la vera relazione.

Quando finisce l’idealizzazione,  iniziano i primi alti e bassi.

Il borderline è un abile gira frittate.

Loro sanno bene come rigirare i fatti per sostenere le loro posizioni.

In realtà lei/lui non era innamorato veramente di te ma della tua immagine idealizzata.

Del ruolo che tu ricoprivi nella sua vita: l’infermiera o la vice mamma oppure il cavaliere scintillante, il salvatore.

Ha riposto in te tutti i suoi bisogni ancestrali.

Il borderline infatti è come un viaggiatore con lo zaino in spalla.

Si porta dietro tutti i suoi bisogni mai colmati.

Ogni buco relazionale del suo passato problematico è pronto per riattivarsi.

Il borderline quando è in relazione scarica addosso all’altro i suoi pesi.

Chiede al partner di amarlo esageratamente in modo che i suoi dolori pregressi  trovino finalmente redenzione.

È chiaramente impossibile perché sono ferite che risalgono al rapporto con le figure di attaccamento.

Fine amore borderline: un film che continuerà a ripetersi.

Nessun partner potrà mai rivelarsi all’altezza di aspettative così esagerate.

Inoltre è più che normale che ad un certo punto la relazione entri in una sorta di normalità.

Ma è proprio quando la relazione dovrebbe stabilizzarsi che il castello inizia a crollare.

Il borderline inizia a rendersi conto che l’altro è una persona normale.

Con pregi e difetti.

Ma i suoi difetti sono per lui/lei inaccettabili ed incomprensibili.

Come in ogni relazione, l’arrivo della quotidianità rende tutto meno scintillante.

La quotidianità rende le cose reali.

E la realtà non può essere sempre artefatta.

Il sipario si chiude sempre e gli attori si struccano.

Si levano gli abiti di scena e tornano ad essere persone normali.

Non personaggi straordinari.

Il borderline non accetta una visione della realtà che comprenda anche la scala dei grigi.

Perché tutto o è bianco o è nero.

Così se prima eri l’amore della vita ora sei il mostro.

Sei un incapace. Sei un fallito. Sei finto e falso.

Sei un nulla perché non sei più in grado di soddisfare le sue esigenze smisurate.

Fine amore Borderline: finisce spesso in tragedia. 

L’amore trasformato in una grande delusione, in un grande e grosso bluff.

È proprio il vedersi precipitare che spinge il partner del borderline a colpevolizzarsi.

Non si dà pace di come possa essere finita così.

Rimugina e ritenta ancora.

Perché lui/lei in quell’amore ci credeva.

Per quella relazione ha dato tanto ed ora si sente con un pugno di mosche in mano.

Ecco perché l’amore borderline è indimenticabile.

Chi viene lasciato oppure lascia per sfinimento non trova pace comunque.

L’amore è finito ma i tormenti no.

Per non parlare del borderline che ritorna..

Di questo ne parliamo in un altro capitolo..

The following two tabs change content below.

Debora Stranieri

Padova e Vicenza
Sono Debora Stranieri, Psicologa a Padova e Vicenza. Psicoterapeuta sistemico-relazionale. Terapeuta EMDR. Aiuto le persone a ritrovare il loro equilibrio.