Trauma da abbandono improvviso e abbandono emotivo: io senza di te.

trauma da abbandono improvviso e emotivo io senza te

Trauma da abbandono improvviso.

Abbandono significa perdita, la mancanza di una persona che non sarà più disponibile come in passato. Questa sofferenza è totalizzante perchè implica il restare soli e sperimentare la solitudine. Quando una relazione dura nel tempo le persone si dimenticano di come era vivere da soli, prendere decisioni senza l’appoggio di nessuno, sopportare il peso di un allontanamento anche da relazioni amicali collegate alla persona che ha abbandonato. All’improvviso però la vita ti costringe a riprovare quella solitudine che non è scelta e quindi voluta o percepita come un bisogno di affermazione ma subita, vissuta come un’amara conseguenza della scelta del partner.

L’abbandono grida  perdita totale, un’assenza completa perchè l’altro se n’è andato fisicamente oltre che col suo cuore dalla relazione. Nell’abbandono c’è il rifiuto che anticipa la fine della relazione. Molte possono essere le cause dell’abbandono, la mancanza di sintonia del patto di coppia, una differenza di vedute, il desiderare cose diverse dalla vita. È un momento della vita difficile da affrontare perchè costituito da fasi, proprio per la durata nel tempo che rendono questa esperienza difficile da metabolizzare.

Alcune persone vivono questo momento come un trauma da abbandono improvviso anche quando così non è. Perché accade questo? Probabilmente i segnali  che il partner gli inviava, di rottura e di fatica nel continuare la relazione sono stati ignorati perché troppo dolorosi da accettare. Il bisogno che l’altro resti, che non interrompa il percorso intrapreso assieme rendono impossibile scalfire l’idea che la persona abbandonata si era fatta della relazione. Si resta più attaccati all’idea di come fosse la relazione che alla relazione stessa, quella reale. La relazione reale è costituita da due punti di vista  differenti, vanno considerate entrambe le campane. Il problema è che in una relazione generalmente non tutti e due i partner investono in egual misura o comunque l’investimento varia in base all’innamoramento.

La persona che è traumatizzata da un abbandono improvviso viene scossa nel dover interrompere quell’investimento.

Vive la fine di un amore ma anche di un possibile progetto di condivisione. Con la fine della relazione cessa quel progetto o idea che la persona si era fatta sulla propria vita.

Talvolta infatti la relazione è un punto di svolta, il raggiungimento di qualcosa che solo nei più bei sogni si era vissuto. Quando questa favola finisce è come venire interrotti nel bel mezzo di un amplesso.

Vedersi portare via quel progetto, quel sogno di un amore eterno e incondizionato porta la persona abbandonata a subire il trauma della perdita  e del fallimento.

L’altro non solo ti sta rifiutando  ma sta andando via chiudendo i rapporti con te. E tu, devi accettarlo, perchè non è amore vero trattenere il partner contro la sua volontà. L’abbandono anche quando provoca un trama da abbandono improvviso va accettato perchè la relazione è costituita da due parti.

L’abbandono emotivo e la trascuratezza emotiva. 

L’abbandono emotivo è una forma di mancanza di sostegno emotivo che può avere un impatto profondo sulle relazioni interpersonali. Questo tipo di abbandono non riguarda necessariamente la fisica assenza di una persona, ma piuttosto la mancanza di connessione emotiva, comprensione e sostegno nelle dinamiche relazionali. Esso può manifestarsi in diverse forme, minando la stabilità emotiva e la sicurezza di chi ne è vittima.

L’altro è fisicamente presente ma è vuoto, non dà amore perché è freddo e distante affettivamente.

Nelle relazioni, l’abbandono emotivo può verificarsi quando uno o entrambi i partner non riescono a rispondere adeguatamente alle esigenze emotive dell’altro. Ciò può derivare da una mancanza di comunicazione, scarsa consapevolezza delle proprie emozioni o semplicemente dalla priorità di altre cose rispetto alle relazioni stesse.

Uno dei modi più comuni in cui si esercita l’abbandono emotivo è attraverso la mancanza di ascolto attivo. Quando uno dei partner non è disposto o non è in grado di ascoltare le preoccupazioni, i sentimenti o i pensieri dell’altro, si crea un vuoto emotivo che può portare a una sensazione di isolamento e disconnessione.

L’altro c’è ma non ti vede come tu necessiti. È lì e sembra esercitare il ruolo di amante o magari  di genitore ma solo formalmente. Quella vicinanza affettiva che porta il sostegno dell’altro nei momenti difficili è assente.

Un altro aspetto dell’abbandono emotivo è rappresentato dalla mancanza di supporto durante momenti difficili. Quando uno dei partner affronta sfide o difficoltà, la presenza emotiva e il sostegno dell’altro sono fondamentali. L’assenza di questo supporto può generare sentimenti di solitudine e abbandono, minando la fiducia nella relazione.

In alcune situazioni, l’abbandono emotivo può derivare da un atteggiamento indifferente o distante da parte di uno dei partner. Questo comportamento può trasmettere il messaggio che le esigenze emotive dell’altro non sono importanti o che la relazione non è una priorità. Questa mancanza di impegno emotivo può creare un vuoto significativo nella connessione tra i partner.

Una partner narcisistaè in grado di attaccare l’altro praticando una silenziosa distanza d’amore. Infliggendo al partner la freddezza di essere sul punto di subire lo scarto. A breve potrebbe andarsene e far mancare anche la presenza fisica. È con questo ricatto affettivo che tiene il partner in silenzio pena la fine dell’amore. Così con il coltello dalla parte del manico, la partner narcisista manipola il partner ma si mantiene affettivamente distante pur dimostrando in alcuni momenti slanci d’amore.

È importante notare che l’abbandono emotivo può anche essere intenzionale, ad esempio quando uno dei partner decide di allontanarsi emotivamente per proteggersi da eventuali ferite o conflitti. In altri casi, può essere il risultato di problemi personali non risolti o di mancanza di consapevolezza delle proprie emozioni.

L’effetto dell’abbandono emotivo sulla salute delle relazioni può essere devastante. Le persone che sperimentano questa forma di mancanza di sostegno emotivo possono sviluppare sentimenti di scarsa autostima, ansia, depressione e una generale insoddisfazione nella relazione. La fiducia e la connessione emotiva possono erodersi lentamente nel tempo, portando a una crescente distanza tra i partner.

Affrontare l’abbandono emotivo. 

Affrontare l’abbandono emotivo richiede una comunicazione aperta e onesta all’interno della relazione. I partner devono essere disposti a esprimere i propri bisogni emotivi, ascoltare attivamente l’altro e lavorare insieme per creare un ambiente relazionale che favorisca la connessione e il sostegno reciproco.

In conclusione, l’abbandono emotivo è una forma di mancanza di sostegno emotivo che può minare la salute delle relazioni. Riconoscerlo e affrontarlo richiede consapevolezza, impegno e comunicazione aperta. Solo attraverso uno sforzo reciproco per soddisfare i bisogni emotivi dell’altro, le relazioni possono prosperare e crescere in un ambiente di fiducia, comprensione e connessione.

Articoli correlati